lunedì 10 gennaio 2011

Samsung investirà 29 miliardi

Non si ferma la voglia di crescita di Samsung. Il gigante sudcoreano dell'elettronica investirà quest'anno circa 29 miliardi di euro per affermare la propria supremazia in diversi ambiti di mercato.

La cifra messa sul piatto è superiore del 18% rispetto al 2010. Il gruppo ha inoltre annunciato l'assunzione di altri 25 mila addetti: un record per Samsung, che nel 2009 aveva conseguito un giro d'affari pari a 82 miliardi di euro.

Una politica di sviluppo che ha già portato molti frutti. Nel giro di pochi anni, infatti, la società coreana è balzata al primo posto mondiale nella produzione di chip e di televisori a schermo piatto. Nel terreno molto concorrenziale della telefonia mobile Samsung si trova in seconda posizione alle spalle della finlandese Nokia. Ma la performance è stata spettacolare soprattutto nel settore degli smartphone, dominato da Apple con l'iPhone e da Rim con il BlackBerry. Samsung conta di inserirsi in questo segmento, prendendo di mira l'Ipad.
In ambito tecnologico la società intende essere sempre all'avanguardia, a cominciare dal comparto degli schermi piatti. Grazie a particolari materiali utilizzati nella loro realizzazione è possibile concepire schermi ultra fini che conservano un'ottima qualità dell'immagine. La grande sfida, sia per Samsung sia per i suoi concorrenti, è arrivare a costruire schermi grandi basati su queste tecnologie innovative. Solo in questo ambito gli investimenti della casa coreana saranno più che triplicati, toccando quota 3,7 miliardi di euro. Una somma simile andrà all'ampliamento e alla realizzazione di nuove fabbriche di schermi Lcd. Invece diminuirà leggermente l'impegno nei semiconduttori, che ammonterà a poco più di 7 miliardi. Un analista spiega che Samsung potrà distinguersi dagli altri attori, abbassando i prezzi dei suoi prodotti di base o proponendo nuovi gadget elettronici.


 

Per qualsiasi dubbio scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gli aggiornamenti del blog direttamente dal RSS feed, su twitter o in email.
Alla prossima!


 

Nessun commento:

Posta un commento