giovedì 24 novembre 2011

I requisiti della Firma Digitale in Italia

Nei giorni scorsi abbiamo parlato brevemente di PEC e Firma Elettronica. In particolare abbiamo speso qualche parola in più per il discorso della firma. Tralasciando le altre tipologie di firma elettronica, c'interessa approfondire quanto previsto in Italia. Delle tipologie presentate: firma elettronica; firma elettronica qualificata; firma digitale; solo l'ultima è riconosciuta dal diritto italiano come assimilabile alla firma autografa e per tanto valevole giuridicamente.     

(continua sotto)


A livello normativo le regole su cui questa tecnologia si basa sono dettate dalla direttiva europea 1999/93/CE, già indicata in Firma Elettronica, Firma Elettronica Qualificata e Firma Digitale, e dal "Codice dell'amministrazione digitale" (Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82).



Sull'articolo di wikidedia relativo alla Firma Digitale è linkato un documento interessante sulla possibilità di apporre firme in modalità remota ma non sono certo della validità giuridica di questo strumento nel quadro normativo vigente.

(continua sotto)
promo


Secondo quanto riportato nel wiki la firma digitale di un documento informatico si propone essenzialmente di soddisfare tre esigenze:
  • che il destinatario possa verificare l'identità del mittente (autenticità);
  • che il mittente non possa disconoscere un documento da lui firmato (non ripudio);
  • che il destinatario non possa inventarsi o modificare un documento firmato da qualcun altro (integrità).
A questo scopo il firmatario deve disporre di un dispositivo sicuro di firma ad uso esclusivo, di un software di firma, e di un certificato qualificato.

Queste e molte altre nozioni sono disponibili nella Guida alla Firma Digitale pubblicata da DigitPA.

Alla prossima!
Se il post ti piace dillo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti gli aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Segui il blog su Twitter e su Facebook.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!

2 commenti:

  1. Grazie per aver fatto ordine in questa confusione di termini: digitale, eletteronica.. speriamo che l'Italia non va a perdersi nella burocrazia anche quando prova a migliorare il sistema e digitalizzarla. c'e' tanto da leggere nei link che avete messo - vado ad informarmi

    RispondiElimina
  2. Ciao "firma elettronica" :|
    grazie cmq del tuo commento.
    Si parla da molto tempo di questi dispositivi. La speranza, come dici tu, è che non ci si perda troppo in tecnicismi. La tecnologia è utile quando è easy. iPad e iPhone docet.

    Lieto di essere utile.

    RispondiElimina