giovedì 5 aprile 2012

Tradito dallo smartphone

Oggi affronto un tema che dovrebbe interessare gli utilizzatori di "cosiddetti" smartphone di ultima generazione che sfruttano il touchscreen. Telefoni che, oltre l'uso canonico, permettono di immergersi nel mare cybernetico dei socialnetwork e delle app semplicemente sfiorando lo schermo con i polpastrelli. Col tempo la sensibilità del touch è stata perfezionata e gli utenti che prima martellavano violentemente i loro cellulari adesso sono molto più tranquilli e felici (come se la felicità fosse dietro uno schermo!).

C'è un tragicomico fenomeno che, nell'epoca delle intercettazioni, dovrebbe interessare chiunque abbia qualcosa da nascondere: dai crimini più efferati alle semplici sgarbatezze verso colleghi, amici e parenti. Sono affetti anche smartphone tra i più avanzati tecnologicamente come gli iPhone, gli HTC, i Nokia per citare solo quelli di cui sono certo.


(continua sotto)
promo


Pochi giorni addietro mi è capitato un episodio curioso che mi ha fatto pensare a tutte (per la verità diverse) quelle volte che ho ricevuto telefonate che il mittente aveva fatto partire involontariamente. Probabilmente sarà capitato anche a me e non me ne sarò mai accorto. Anzi, per dire il vero, una sola volta, mi è stato detto da un fortuito destinatario di aver ricevuto una mia chiamata involontaria.

Bene, immagina una situazione comune. Sei in macchina con un amico. Questo chiama un terzo che conoscete entrambi e chiude la telefonata dopo pochi istanti. Prende il suo smartphone luccicante e se lo mette nella tasca dei jeans. Subito dopo vi intrattenete entrambi per una buona ora a parlare del terzo, dei suoi difetti, della poca considerazione che avete di lui e di altre nefandezze.

Mentre vi divertite alle sue spalle, il cellulare che si trova nella tasca dei jeans sfregato nei movimenti del corpo dell'amico esegue la chiamata all'ultimo numero e dall'altro capo del telefono il terzo sente tutto, e infischiandosene della vostra privacy rimane lì ad ascoltare per tutto il tempo.

(continua sotto)
promo

Sembra una scena da film, ma per esperienza ti dico che può capitare più frequentemente di quanto possa sembrare.

Ho ipotizzato uno scenario più o meno amichevole, ma immagina se si trattasse di due manager di una multinazionale e all'altro capo del telefono ci fosse il loro cliente più importante.

Questo piccolo scherzo può avere conseguenze sgradevoli e molto costose, non solo in termini monetari. Inoltre sii sempre consapevole del fatto che la chiamata potrebbe partire anche da un cellulare che non è il tuo, e potrebbe partire magari neanche tanto casualmente.

In conclusione direi che sarebbe meglio non parlar male mai di nessuno, ma se proprio lo devi fare, accertati che uno smartphone non ti tradisca.


Alla prossima!
Se il post ti piace dillo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!


Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.



Download: Fast, Fun, Awesome

Nessun commento:

Posta un commento