venerdì 31 gennaio 2014

Guida - Scegliere un box esterno per assemblare un HDD

Assemblare un Hard Disk esterno
Ultimo aggiornamento 07/06/2014

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Ciao Vincent, ho cambiato portatile e del vecchio mi è rimasto il disco Western Digital WD5000BPVT Scorpio BLUE HardDisk. Posso utilizzarlo come disco esterno?
Giacca

Ciao Giacca e grazie del quesito. Pur non essendomi mai cimentato nell'assemblaggio, ho parlato più volte del tema HDD esterni:
Personalmente ti suggerirei di acquistare un case esterno e di utilizzare il disco per memorizzare foto, musica o fare PVR (vedi SmartTV - PVR? Erano meglio le VHS ). Gli Hard Disk esterni possono essere collegati anche a SmartTV, decoder e lettori DVD (vedi Confronto - TivùSat - Scegliere il decoder HD).

Scansiona il QR-Code quì sotto per guardare o condividere questo articolo passandolo allo smartphone, al tablet o all'iPod  touch
(continua sotto)


L'opzione di costruirsi un disco esterno in casa è riservata a chi ha un minimo di pratica. Ma prima di assemblarlo bisogna capire quale preferire e, in un secondo momento, dove acquistare.

La manutenzione è più semplice
In molti preferiscono costruirsi il proprio disco esterno perché hanno così un maggiore controllo sui possibili problemi. I dischi da brand, venduti già complete, sono spesso saldati. Nel caso di un falso contatto, potrebbe capitare di non potervi rimediare con un HDD marchiato. In tal caso vi sono queste opzioni:
1. Aprire il drive rompendo i sigilli e invalidando la garanzia
2. Portare il disco in assistenza e perdere tutti i dati
3. Portare il disco in assistenza e pagare per il "data recovery"

Capita spesso, che in questo tipo di manutenzione, il disco sia perfettamente funzionante ed il problema è da attribuire alla connessione USB sul retro dell'involucro che potrebbere essersi rotta.

Alluminio per evitare il surriscaldamento 
Un'altra caratteristica importante da considerare è il materiale del case. Eviterei quelli di plastica. Durante uno spostamento massiccio di dati, un utilizzo prolungato ed intensivo, l'HDD potrebbe scaldarsi. Il calore sviluppato all'interno di un involucro in plastica non si dissipa con la velocità con cui può farlo un case in metallo. Per i case in plastica tornerebbe utile l'utilizzo della ventola. 

(continua sotto)
promo

 
Scegliere un box USB3.0 e/o eSATA
Si consideri che il disco potrebbe essere utilizzato per qualche altro anno. Se ti è possibile ti consiglierei di prendere un case di ultima generazione con connessioni USB3.0. Sarebbe veloce anche l'eSATA, ma probabilmente lo troveresti solo in ambito strettamente informatico (vedi Disk Docking). Ignorerei soluzioni IDE a meno che non si voglia utilizzare un hard disk di vecchio tipo.

La luce LED
L'indicatore dell'attività del disco non è presente su tutti i modelli, ed alcune volte sembrerebbe non comportarsi adeguatamente. Potrebbe essere utile farvi attenzione.


Connessioni
L'USB3.0 compatibile verso il basso (USB1.1 e USB2.0) è a mio avviso obbligatorio. Se c'è anche eSATA, da utilizzare in alternativa, ben venga. Per il collegamento su altri PC potrebbe essere utile

RPM
Il tuo disco sembrerebbe essere un 5400RPM, che è certamente meno performante del 720RPM. Considerando anche che probabilmente non potrà utilizzare entrambi i connettori del cavo a Y non direi che  sia ottimale per vedere un video di famiglia in streaming dal disco.

Interruttore ON/OFF
Nel caso il disco sia destinato a rimanere accesso giorno e notte, per il risparmio energetico, potrebbe rivelarsi utile badare alla presenza del tasto on/off.

Plug-and-play e hot-swap
Le due caratteristiche rispettivamente permettono di connettere il disco anche a PC già a regime ed a scollegare il disco senza creare errori. L'uso risulterà molto più comodo.

Ulteriori accorgimenti
Nello scegliere il case per un HDD è necessario verificare che questi siano compatibili (alimentazione, dimensioni, USB, calore, etc.).

Confronto peculiarità
Partendo dalle caratteristiche elencate ho completato una piccola e personale ricerca di mercato che voglio condividere. Nel file xls scaricabile quì sotto ho confrontato i tre modelli:
ORICO(R) 2588us3
Inateck(R) FEU3NS-1
Anker(R) AK-68UP25EN-BRSU

Risorse:


Alla prossima!
Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!

Siti consultati:
it.over-blog.com/
amazon.it/
shoppalo.it/
wdc.com/
youtube.com/

Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.


(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

1 commento: