martedì 3 marzo 2015

Misure di uso quotidiano per tutelare la privacy

Propongo spesso l'argomento privacy sul blog, via tweet e nei post sulla pagina Facebook

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Lungi da me l'intento di istruire sull'argomento. Mi sforzo soltanto di mettere in luce i rischi legati ad una assenza di gestione dei propri dati personali.
Dati personali che in molti da tempo considerano una vera valuta digitale (vedi Link utili sotto).

Mi rendo conto che possa sembrare trattarsi di sole fisime o paranoie superflue e inopportune.
Ma l'attualità ci insegna che non è così.
Molti articoli di cronaca parlano di bulli che minacciano i coetanei di pubblicare foto sconvenienti sui social network, di impiegati che perdono il posto per un tweet o per un commento o per una foto su FB. Curioso il sito thefacebookfired.com/ che raccoglie le testimonianze dei licenziamenti legati al colosso americano.
I dati di ciascuno di noi interessano a qualcuno... più di qualcuno... molti... moltissimi.

(continua sotto)
promo


  


Riporto un episodio al quale ho assistito di recente.
Anche se il metodo non sarà il migliore, mette in evidenza la sensibilità che si può avere sul tema.
Sedevo al fianco di un ragazzo che stava parlando al telefono ad alta voce.
Non c'era bisogno di origliare per ascoltare tutta la conversazione.
Al momento si era allontanato dal suo ufficio ma doveva condividere una presentazione con un collega.
Sfortunatamente la copia più aggiornata della presentazione era disponibile solo sul Desktop del PC del ragazzo che mi sedeva vicino.
L'unica soluzione percorribile rimasta consisteva nel permettere al collega di accedere al PC fornendo quindi username e password.
Ho trovato interessante il fatto che avesse scelto di dividere la password su due canali di comunicazione differenti.
Ovviamente non ha dettato la password al telefono. Tutti i presenti oltre me avrebbero potuto ascoltare.
Ha inviato la prima parte della password via Whatsapp.
La seconda parte invece l'ha inoltrata via SMS.

Ebbene... Molte volte ho utilizzato metodi simili che quindi condivido.
Non mi soffermo sui problemi che possono derivare dall'utilizzare due canali che comunque partono da un solo device.

(continua sotto)
promo

  

Questo episodio dimostra come sia semplice, nel quotidiano, adottare misure minime a tutela della propria privacy.

(continua sotto)
promo
Dobbiamo abituarci all'idea: la praticità diverge dalla sicurezza.
Credo sia fondamentale dare il giusto valore ai propri dati ed alla propria riservatezza.
Spero lo crediate anche voi.

LLAP

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!

Siti consultati:
ilsole24ore.com/
ted.com/ EN
technologyreview.com/ EN
en.wikipedia.org/ EN


Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code quì sotto.



(continua sotto)
promo


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

Nessun commento:

Posta un commento