domenica 5 giugno 2016

Garmin Forerunner 610 - Prima uscita

Prima corsa col FR610
Ultimo aggiornamento 02/07/2016

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Avevo in programma in questi giorni la prima uscita con il Garmin Forerunner 610. Ho documentato giovedì come ho reimpostato il FR610 alle impostazioni predefinite in Video - Garmin Forerunner 610 - Reset alle impostazioni di fabbrica. L'ho usato ieri per la prima corsa.

twitter: Confronto dimensioni, caratteristiche e info registrate tra #Gps #Garmin FR220 e FR610

Per poter fare una valutazione puntuale ho indossato contemporaneamente il mio FR220 (black/red) ed il FR610 (black/blue). Mettendoli al polso ho avuto subito l'impressione che fossero sensibilmente diversi. Il FR610 ha un peso superiore ed è leggermente più ingombrante rispetto al FR220. Queste le caratteristiche tecniche in termini di peso e dimensioni che confermano le mie prime impressioni.

Il FR610 pesa 72gr con queste dimensioni: 4,57 x 6,35 x 1,42 cm. 
Il FR220 pesa invece 40,7gr con queste dimensioni 4,5 x 4,5 x 1,2 cm

A parte le dimensioni ed il peso, anche la "vestibilità" è differente. Il FR220 ha un attacco del cinturino più libero e la cassa dell'orologio è essenziale.


Il FR610 ha un attacco del cinturino che segue la curvatura del polso. La cassa si allunga verso il cinturino. Questo probabilmente contribuisce a farlo sembrare ancora più importante.



Il sistema di chiusura del cinturino del FR610 offre una sensazione di maggiore stabilità e sicurezza. L'ardiglione della fibbia del 610 è sensibilmente più largo rispetto a quello del FR220.

 


Nell'immagine seguente la differenza è ancora più evidente.


Nelle due immagini seguenti ho evidenziato come compare il cinturino quando è chiuso.
Questo è il FR220. 


Questo è invece il FR610.



A livello tecnologico, una delle più evidenti differenze del 610 è la presenza del touchscreen. Già dalla prova di giovedì ho iniziato ad abituarmici. Gli schermi dei moderni smartphone hanno una maggiore sensibilità ed ho fatto un po' di fatica all'inizio. Lo schermo del 610 è resistivo (Schermo resistivo - Wikipedia) per cui è necessaria una leggera pressione a differenza degli schermi capacitivi (quelli di cellulari e tablet moderni) che è sufficiente sfiorare. Per eventuali approfondimenti ho dettagliato le differenze delle due tecnologie in Guida - Come scegliere un tablet - parte 4: Lo schermo.

Prima di partire con il riscaldamento ho attivato i due orologi passando dalla visualizzazione dell'orario alla ricerca dei satelliti Gps. Il cielo ieri era sereno. Stavamo partendo da una piccola piazza. L'area è senza coperture particolari per cui la visibilità dei satelliti Gps non era compromessa. Il FR220 ha rilevato il segnale in pochi secondi. Il FR610 invece non riusciva a rilevarlo. Ho atteso invano circa due minuti. Poi ho deciso di partire comunque anche perché non ero solo. Il segnale Gps è stato poi rilevato dopo aver già percorso circa 700m. Probabilmente questa lentezza è dovuta al primo utilizzo dopo il reset operato giovedì. In questo procedimento il FR610 ha sincronizzato automaticamente anche l'orario. Secondo la dettagliatissima recensione Garmin Forerunner 610 In Depth Review, la rilevazione del segnale Gps dovrebbe essere molto veloce, in alcuni casi anche sotto i 10 secondi. Il dispositivo è dotato di ricevitore GPS ad alta sensibilità (vedi Forerunner 610 | Garmin). Mi riservo di ripetere la prova. 

Le schermate successive mostreranno una differenza sul totale di km percorsi nella sessione. Nell'immagine sotto sono visibili i dati immediatamente disponibili per l'attività sul FR220: distanza, durata, passo, calorie, FC media, FC max, cadenza.


Nell'immagine sotto invece sono visibili i dati immediatamente disponibili per l'attività per il FR610: distanza, durata, calorie, passo, FC media, FC max, TE.




La voce TE in più sul FR610 è il valore di Training Effect calcolato sulla sessione. Il Training Effect è un indicatore (valori da 1.0 a 5.0) basato sulle informazioni del profilo utente, la frequenza cardiaca, la durata e l'intensità dell'attività; che misura l'impatto di un'attività sulla forma aerobica. 

In particolare indica in che modo la singola attività ha migliorato la forma fisica. Nella sessione di ieri il TE elaborato è risultato il massimo possibile. Va detto che come indicato nelle Info su Training Effect, per una effettiva attendibilità è necessario accumulare alcune attività. Tornerò su questo dato nelle prossime prove. La tecnologia Training Effect è fornita e supportata a Garmin dalla Firstbeat Technologies Ltd.

Per la misurazione del battito cardiaco ho usato per entrambi i Forerunner la fascia Premium (Garmin 010-10997-07 Cardiofrequenzimetro Premium) che già possedevo. Affinché il Garmin FR610 esprima al massimo il suo potenziale andrebbe utilizzato con la fascia Run (Garmin 010-10997-08 Cardiofrequenzimetro HRM-Run™) che permette di elaborare le dinamiche di corsa avanzate. Queste comprendono un set di informazioni di specifico interesse per i runner. Cito da Garmin:
Cadenza: registra il numero di passi al minuto e conta i passi totali (piede destro e sinistro combinati) senza l’ausilio di sensori FootPod. Una cadenza tipica è compresa tra i 150 e i 200 passi al minuto, con 180 passi di cadenza consigliata. 
Oscillazione verticale: misura l'oscillazione verticale mostrando il grado di inclinazione del busto durante il gesto atletico. L'oscillazione verticale è misurata in centimetri dal tuo centro di gravità (il sensore è integrato nel modulo della fascia HRM-Run) e l'oscillazione tipica varia dai 6 ai 13 cm. I corridori professionisti in genere tendono ad oscillare il meno possibile. 
Tempo di contatto con il suolo: lo sport watch Garmin misura il tempo in cui, durante il movimento della corsa, il piede è a contatto con il suolo. Il tempo di contatto con il suolo è misurato in millisecondi e, nella maggior parte dei corridori, è compreso tra 160 e 300 ms. Per i corridori professionisti questo valore si attesta intorno ai 190 ms per ciascun passo.
Purtroppo nel bundle HRM della versione nera come di quella multicolor è fornita la versione Premium. La Run costa sensibilmente di più. Su Amazon la Run™ è venduta a E81,29 contro i E49,00 necessari per l'acquisto della Premium. Le due fasce Garmin sono state analizzate assieme anche alle più recenti Tri (Garmin 010-10997-09 Cardiofrequenzimetro HRM-Tri™) e Swim (Garmin 010-12342-00 Cardiofrequenzimetro HRM-Swim™) nel post Confronto fasce cardio Garmin HRM. La fascia cardio Run™ è compatibile tra gli altri con i FR 735XT630620 e 920XT  (vedi Device Garmin compatibili con fascia #cardio HRM-Run™ | Garmin).
Sto ordinando la Run e appena potrò posterò sull'argomento... stay tuned!

Sul FR610 purtroppo è assente la possibilità di sincronizzare i dati via bluetooth accoppiato allo smartphone o al tablet. Per il trasferimento va utilizzato invece il cosiddetto antstick Garmin USB Antenna ANT+. Una pennetta USB da collegare al PC che via Garmin Express esegue la sincronizzazione dei dati con Garmin Connect, la piattaforma che raccoglie i dati in cloud di Garmin.

Al termine della sessione, prima di fare la doccia, ho riverificato la classificazione di resistenza all'acqua del FR610. È classificato come Ipx7 (vedi Classificazione di impermeabilità | Garmin | Italy). Quindi per la doccia nessun problema come anche per allenamenti sotto la pioggia. Per la cronaca non può invece essere utilizzato per il nuoto.

Alcuni utilizzatori del FR610 nero si sono lamentati dell'ossidazione del retro della cassa. Nell'immagine sotto a sinistra (trovata nell'annuncio For Sale: Forerunner 610, Pearl Izumi P.R.O. and all the good stuff! Check it out! : Classifieds: Slowtwitch Forums) il problema è evidente. Il modello 010-00947-18 black/blue che sto utilizzando (foto sotto sulla destra) non ha questa parte metallica a contatto con l'epidermide. La stessa parte è coperta di materiale plastico che impedisce il contatto diretto con la pelle. Per cui questa versione non dovrebbe soffrire del problema.




Fate pure tutte le domande che volete e cercherò di rispondere. Per prove dirette potrò provvedere soltanto fino a quando avrò a disposizione l'orologio. Comunque per ulteriori approfondimenti rimando a:


LLAP!

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!

DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

Nessun commento:

Posta un commento