domenica 21 luglio 2019

Recensione - Portalampada Smart WiFi AICase E27 per Alexa, IFTTT e Google Home

Recensione e test di questi smart lamp socket wireless

Durante l'ultimo Prime Day ho comprato questo adattatore intelligente per lampadine E27 Aicase #ad. Mi serviva per rendere smart una piantana nello studio dei bambini. Ho già un paio di EchoDot Amazon #ad (nello stesso ordine me ne arriva un terzo!) e uso già alcune applet IFTTT. Il forte sconto riservato agli utenti Amazon Prime ad e le recensioni mi hanno portato a perfezionare l'acquisto.

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Contenuto della confezione
n.2 adattatori E27
n.1 istruzioni in inglese

Specifiche tecniche
Tipo di attacco: E27
Tensione nominale: 100-250V
Massimo carico di potenza: 100W
Frequenza CA: 50-60Hz

(continua sotto) 
promo

  



Descrizione dell'adattatore
Il dispositivo è bianco. Piuttosto compatto e solido. Una volta inserito nel portalampade è aumentato di circa 5 cm lo spazio occupato dal corpo lampada. Può essere istallato su portalampade E27 e permette l'utilizzo di lampade dello stesso tipo. Io vi ho inserito una lampadina a LED.  È presente un tasto fisico on/off. Dal lato opposto è presente un indicatore luminoso verde. La parte bianca è di materiale ignifugo.

Installazione dell'app Tuya Smart
Sul manuale (il font utilizzato è esageratamente piccolo) è fornito un QRCode che dirige al link https://smartapp.tuya.com/tuyasmart per il download del software Tuya Smart da Google Play. Prima di procedere all'installazione ho verificato di aver sufficiente memoria libera sullo smartphone.  La procedura di registrazione richiede il numero di cellulare oppure la casella di posta elettronica per l'invio del codice di verifica. Anche in questo caso ho utilizzato le email temporanee di yahoo (vedi Indirizzi email temporanei - Yahoo, Yopmail e altri). 

Attivazione degli adattatori (procedura 1)
Successivamente si passa a connettere gli adattatori alla wlan domestica (funzionano solo sulla banda a 2,4GHz) avendoli prima messi sotto elettricità. Io li ho montati rispettivamente in una piantana e su di un portalampade aperto per cui l'aumento dello spazio occupato dal corpo lampada non ha compromesso alcunché. Andrebbe fatta maggiore attenzione in caso di utilizzo all'interno di una plafoniera più stretta.

Ho distribuito gli adattatori nella casa in modo che fossero abbastanza vicini al router wifi. 

Descrivo la procedura indicata come principale dal manuale anche se per me ha funzionato solo quella alternativa descritta più sotto. 

L'indicatore deve lampeggiare due volte al secondo in questa fase. Così indica di essere in ascolto in attesa di configurazione. Siccome la segnalazione luminosa non era quella desiderata ho dovuto tenere premuto il tasto on/off per 5 secondi per ciascun adattatore. 

Sull'app ho poi selezionato i dispositivi da installare scegliendo tra quelli segnalati. Tra quelli dedicati all'illuminazione ho scelto Aggiungi manualmente / Illuminazione /Dispositivi di illuminazione

A questo punto la procedura provvede alla configurazione della connessione alla rete wlan per cui è richiesta la relativa password di accesso. 

Come ho già indicato sopra, i dispositivi funzionano solo su WiFi a 2,4GHz per cui ho dovuto modificare l'impostazione della mia Vodafone Station di conseguenza. Va verificato che la variazione non influisca sul buon funzionamento di altri dispositivi sulla rete. 

(continua sotto) 
promo

  


Attivazione degli adattatori (procedura 2)
Dopo alcuni tentativi la connessione non è stata stabilita per cui ho seguito la procedura alternativa.

Ho dovuto premere il tasto on/off per 5 secondi per ciascun adattatore affinché lampeggiassero più lentamente. 

La procedura alternativa a questo punto richiede una connessione wifi diretta tra smartphone e adattatore. Questa procedura si è dimostrata molto più veloce ed efficace della precedente. 

Dopo aver completato la connessione ho potuto gestire le luci dall'applicazione sullo smartphone.  

I nomi assegnati automaticamente agli adattatori possono essere personalizzati in modo che sia più immediata l'individuazione all'interno della casa. Oltre ad accendere e spegnere le due lampade, dall'app è possibile settare un timer per programmarne l'attivazione o la disattivazione. Inoltre è presente un conto alla rovescia affinché la lampadina si spenga dopo un dato intervallo di tempo. Nel mio caso entrambi gli adattatori sono su di un portalampada controllato da un interruttore fisico a parete. Se l'interruttore è spento e i portalampada smart non sono alimentati non si potrà controllare le luci dallo smartphone (né da Alexa). 

(continua sotto) 
promo

  



Configurazione su Alexa
Ho proseguito poi con la configurazione per poter utilizzare gli adattatori con Alexa. Questa sotto è la dotazione hardware e software che ho utilizzato per procedere alla corretta configurazione dei due adattatori per un utilizzo a comando vocale con Alexa:
- Amazon Alexa - APP 
- Amazon Alexa - Account 
- Tuya Smart - APP 
- Tuya Smart - Account 
- Echo Dot
- Coppia Smart Lamp 

Ho posizionato il secondo Echo Dot #ad in modo che fosse abbastanza vicino alle due luci da controllare e ovviamente sotto copertura wifi. 

Sull'applicazione Alexa in Skill e Giochi ho cercato Tuya Smart e ho installato la skill (link diretto https://www.amazon.com/Tuya-Inc-Smart/dp/B01I9GHK40 ). Ho collegato la skill all'utenza Tuya che ho creato per la connessione dei dispositivi descritta più sopra. 

Ho poi chiesto ad Alexa: "Alexa, trova i miei dispositivi". Anche se la rilevazione risultava fallita al primo tentativo ho trovato i due adattatori con i nomi da me rivisti correttamente elencati tra i dispositivi. Questi i comandi che utilizzo per gestirli:
"Alexa, accendi luce lavanderia"
"Alexa, spegni luce lavanderia"
"Alexa, accendi luce studio"
"Alexa, spegni luce studio"

Nell'uso tradizionale purtroppo c'è un piccolo problema. Gli adattatori non hanno memoria dello stato in cui si trovavano prima di essere spenti dall'interruttore a muro. Se la luce era accesa prima di essere spenta, riattivando l'interruttore fisico, la luce rimarrà spenta. Per riaccenderla vi sono solo queste opzioni:
- dall'interruttore fisico direttamente sull'adattatore
- dallo smartphone 
- utilizzando Alexa 
È chiaro che se la lampadina è fissata in una plafoniera sulla volta, non sarà possibile riaccenderla a mano oppure in assenza di internet o wifi.

Conclusione
I dispositivi sono utili per chi come me sta iniziando a utilizzarli in casa, specialmente con Alexa. Sono perfetti per una piantana non troppo alta che lasci l'adattatore scoperto e raggiungibile direttamente. Ben posizionati funzionano perfettamente. Sconsiglio l'utilizzo invece sulla volta, per un'applique o per una plafoniera. In questo caso è più indicato un dispositivo che mantenga memoria dello stato precedente allo spegnimento e che non richieda l'accesso fisico per la riattivazione in assenza di wifi o internet.  

Prossimamente proverò a fare dei test con l'integrazione con IFTTT. 
Non posseggo device Google Home per fare dei test. Se riesco a usarle anche solo con lo smartphone ci proverò più in là. 

Scrivi nei commenti se hai già provato IFTT o Google Home con questo tipo di dispositivi. 

LLAP!

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Seguimi anche su Instagram @perparlarediweb, Pinterest it.pinterest.com/perparlarediweb e Tumblr perparlarediweb.tumblr.com


Siti consultati:
smartapp.tuya.com/
amazon.it/ ad

Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code qui sotto.



DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.