sabato 30 giugno 2018

Tivusat - Recuperare la smart-card

Cerchi una smartcard TivùSat? Leggi

Come spesso accade, ho ricevuto una richiesta di informazioni via MP su messenger. Purtroppo la tempestività non è il mio forte, ma provo comunque a rendermi utile. L'argomento è il reperimento della smart-card Tivù Sat. 

Qui sotto il testo della domanda:
Buonasera Sig. Miccolis, ho visto sul suo blog che conosce a fondo il tema “Tivùsat”. Desidererei sapere se conosce la procedura o il link per richiedere la smart card da attivare per questo servizio. Grazie
Ringrazio intanto Gaetano per l'interessante quesito e (soprattutto) per la fiducia. Scrivo un post poiché ritengo la questione molto importante per chi legge queste pagine e non è affatto facile trovare informazioni soddisfacenti sul web. 

(continua sotto) 
promo

  


Potenzialmente vi sono molti utenti che potrebbero avere un decoder o una CAM perché acquistati di seconda mano o ricevuti in regalo ma che non possono utilizzarla perché non hanno la relativa smart-card.

Non sono un tecnico esperto ma conosco il sistema da molto tempo e su queste pagine scrivo spesso dell'argomento. I post affrontano solitamente l'aspetto tecnologico ma qualche occasionale cenno più ad ampio respiro non manca.

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Veniamo al dunque.
In passato le tessere tivù sat sono state distribuite anche fuori dai bundle di decoder e cam (vedi Rai: come avere la smart card TivùSat) come da delibera AGCOM n. 732/09/CONS del 16 dicembre 2009.

Successivamente, con la sentenza del TAR Lazio-Sezione III Ter n. 6320/2012, pronunciatasi a favore del riscorso di SKY, la distribuzione purtroppo è stata interrotta.

(continua sotto) 
promo

  


Nonostante un segnale positivo (vedi Il governo alla Rai: "Meno testate giornalistiche e meno canali". Il canone versato se saranno centrati gli obiettivi) in controtendenza del 2017, ad oggi la tessera è disponibile ancora soltanto nelle confezioni (in bundle) con decoder e CAM certificate Tivùsat.

Per chi ne avesse assoluta necessità perché magari si trova in digital divide e ha già l'hardware necessario, alcune tessere si trovano occasionalmente su siti come ebay e Amazon.

(continua sotto)
promo


Per maggiori cenni e dettagli vedi l'interessante approfondimento Smart card Tivùsat: dove se ne può acquistare una? | Eurosat.
Spero di essere stato utile a Gaetano ed a tutti i lettori.

LLAP!

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Seguimi anche su Instagram @perparlarediweb, Pinterest it.pinterest.com/perparlarediweb e Tumblr perparlarediweb.tumblr.com

Siti consultati:
eurosat-online.it/
tivusat.tv/
amazon.it/ ad
Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code qui sotto.



DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

domenica 24 giugno 2018

Questo blog fa buon uso della pagina 404 - notfound.org

Grazie al progetto NotFound, anche questo blog prova a fare la differenza per le migliaia di bambini che purtroppo scompaiono ogni anno in tutta l'Unione Europea. Nel video sotto una descrizione del progetto.



Oggi ho configurato l'applicazione del progetto notfound.org sulla pagina personalizzata non trovata. Puoi verificare il risultato qui

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Quando un link a questo blog fallisce è mostrata la pagina personalizzata non trovata che, oltre ad avvisare l'utente con il messaggio "Spiacenti. La pagina del blog che cerchi non esiste." automaticamente e rapidamente offre al suo interno la foto di un bambino scomparso. 
"Insieme, possiamo trovarli".


LLAP!

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Seguimi anche su Instagram @perparlarediweb, Pinterest it.pinterest.com/perparlarediweb e Tumblr perparlarediweb.tumblr.com


Siti consultati:
notfound.org/
amazon.it/ ad


Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code qui sotto.




DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

sabato 16 giugno 2018

Android - Samsung Galaxy S5 - La batteria non si ricarica

Dopo una notte in carica la batteria rimane ko


Recentemente (vedi Android - Samsung Galaxy S5 - Formattazione sicura) ho scritto un post nel quale descrivevo la cancellazione sicura dei dati sullo smartphone. Nel post ho fatto riferimento ad una precedente assistenza del mio Samsung Galaxy S5 per un problema di carica della batteria. Nel post di oggi parlerò proprio di quello che ho fatto per questo problema sulla ricarica.

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Dopo aver tenuto lo smartphone in carica tutta la notte (come faccio quotidianamente) mi sono accorto del problema. La batteria era ancora scarica. Anzi, era più scarica di quando l'avevo collegato al caricabatteria.

(continua sotto) 
promo

  

Il monitor sembrava acceso ma la sua illuminazione era tanto fioca da non permetterne la lettura (se non con una buona dose di fantasia).

Ai successivi tentativi di carica veniva mostrata la batteria col fulmine ma il livello di carica non aumentava. A volte era mostrata la batteria con un triangolo giallo ad indicare problemi sulla batteria.

Sperando nella fine della batteria e disponendo di un modello che ha ancora la batteria estraibile ho fatto alcune verifiche. 

Controllo sui contatti interni della batteria
Ho verificato che non vi fossero problemi nei contatti interni ho comunque provveduto a ripulirli sia dalla parte della batteria che quelli nel telefono.

Controllo del cavo
Per verificare che il problema non dipendesse dal cavo ho fatto (invano) una prova di carica con un altro cavo.

Controllo dell'alimentatore
Per verificare che il problema non dipendesse dal caricabatteria ho provato la ricarica con una altro alimentatore. Per sicurezza ho riprovato la carica con tutti i cavi. Ho provato anche il collegamento del telefono al PC. Anche questo controllo ha dato esito negativo.

Controllo della batteria
Per verificare lo stato della batteria può essere indicativa la presenza di rigonfiamenti. Per rilevarli, in primo luogo va rimossa, e poi va fatta roteare su di un piano prima da un lato e poi dall'altro. Non ho rilevato rigonfiamenti tali da indicare il deterioramento della batteria.

(continua sotto)
promo

  

Controllo al connettore per la carica
Ho verificato la presenza di danni evidenti al connettore per la carica e l'ho ripulito delicatamente con l'ausilio di uno stuzzicadenti. A questo controllo ho notato qualche piccolo problema al connettore che pensavo fosse poco significativo.

Ho mandato il cellulare in assistenza dove è stato sostituito il charger-flex. Infatti il problema era proprio sul connettore. Per un approfondimento può essere utile il Video - Galaxy S5 Charging Port Replacement How To Change ! Youtube EN che mostra l'intera operazione di sostituzione.

Un consiglio sempre valido al ritiro di uno smartphone dall'assistenza. Va fatto un test rapido delle funzioni principali del telefono: bluetooth, wifi, audio in/out anche con cuffia, connessione dati, etc.

LLAP!

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Seguimi anche su Instagram @perparlarediweb, Pinterest it.pinterest.com/perparlarediweb e Tumblr perparlarediweb.tumblr.com

Siti consultati:
chimerarevo.com/
androidpit.it/
amazon.it/ ad

Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code qui sotto.


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

sabato 2 giugno 2018

Recensione - Meco Wireless-N WiFi Repeater

Unboxing e prima configurazione del range extender Meco
Ultimo aggiornamento 30/06/2018



Ho avuto modo di scrivere altre volte dei ripetitori wifi anche chiamati range extender (vedi Unboxing: TP-LINK RE200 750Mbps Range Extender Universale / Ripetitore Wi-Fi e Come scegliere il range extender secondo le proprie esigenze oppure gli altri post sotto nella sezione Leggi anche)

Questi apparati, ormai molto economici, sono indicati per un uso domestico ed in piccoli uffici. Permettono in pochi passi l'espansione della copertura di una rete wi-fi oppure l'installazione di nuovi access point.



La confezione del ripetitore Wifi contiene:
- ripetitore wifi + spina di alimentazione italiana orientabile orizzontale/verticale
- manuale di istruzioni e installazione del prodotto con illustrazioni (in inglese)
- cavo rete RJ-45 da 50cm
Da manuale il dispositivo è dichiarato compatibile con gli standard wifi 802.11b/g e 802.11n (vedi IEEE_802.11). Può essere utilizzato come range extender o come access point.


Per il primo utilizzo va agganciato l'adattatore che permette di scegliere l'orientamento del dispositivo in base alla presa a muro utilizzata per l'alimentazione. Trovo molto vantaggioso poter cambiare l'orientamento del dispositivo, non solo per adattarsi a prese orizzontali o verticali ma anche per agevolare l'accesso alla porta RJ45 visibile in figura. La presa va inserita e, con una leggera pressione, ruotata in modo che si incastri saldamente ai supporti di ancoraggio interni. Il design del device è molto gradevole. Le dimensioni sono molto ridotte il che, assieme al colore nero, lo rendono molto discreto.


A me serve come Range Extender con collegamento su cavo RJ45 per collegare un PC con problemi sulla scheda di rete wireless (lo uso come adattatore). A questo scopo, una volta collegato alla rete elettrica, il RE va collegato al PC a mezzo cavo Ethernet RJ45. Il package del device include un cavo nero di circa 50cm ma, nel caso si necessiti di coprire una distanza maggiore, potrà essere utilizzato un cavo RJ45 qualsiasi.
twitta: La copertura in wifi arriva ad 8-10m anche in presenza di un muro di 40cm
A proposito di distanza, la copertura in wifi arriva ad 8-10m. Io ho eseguito un test ed è raggiungibile a questa distanza anche in presenza di un muro di 40cm.

Il device dispone di un tasto reset che, in caso di necessità, permette di ripristinare le impostazioni di fabbrica. Con una pressione prolungata del tasto per 10 secondi il range extender sarà riportato alle impostazioni di fabbrica. Inoltre è dotato di un tasto WPS per il collegamento di device ospiti.

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Da impostazioni di fabbrica la console di configurazione è accessibile via browser all'indirizzo http://192.168.10.1 con utente e password admin/admin.


Subito dopo l'accesso è possibile eseguire la scelta del tipo di configurazione. Nel mio caso ho scelto Repeater.
Nel passaggio successivo sono mostrate tutte le reti Wi-Fi disponibili. Ho selezionato il radio button della mia connessione. Nel campo Security key ho inserito la passphrase della mia connessione. Per procedere è bastato un click su Apply. Una barra di completamento mostra lo stato del processo di configurazione.

(continua sotto)
promo


Tentativi di connessione precedenti al completamento dell'operazione di configurazione hanno causato errori in fase di connessione. Nell'immagine sotto si vede il tab di una pagina andata in errore durante un test.
Un messaggio di conferma indica il completamento dell'operazione di configurazione. A questo punto è stato possibile connettersi ad internet utilizzando il Range Extender.
Ho testato la connessione per un po' e si è dimostrata stabile ed affidabile. Per alcuni suggerimenti sul posizionamento del ripetitore leggi Guida - Connessione Wi-Fi e internet lento: Cosa fare? o Scegliere il modem router ADSL WiFi. La prima configurazione è semplice e veloce. Ritengo buono il rapporto qualità prezzo. Al momento della recensione il range extender costa EUR 17,98
Consigliato!

Scansiona il QR-Code quì sotto per guardare o condividere questo articolo passandolo allo smartphone, al tablet o all'iPod  touch
(continua sotto)


Per una panoramica molto completa e ulteriori dettaglio puoi guardare questa interessante video recensione di Andrea Ferrario pubblicato da Tom's Hardware (vedi TECHly Repeater Wi-Fi, migliora la copertura Wi-Fi). 



LLAP!

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Seguimi anche su Instagram @perparlarediweb, Pinterest it.pinterest.com/perparlarediweb e Tumblr perparlarediweb.tumblr.com

Condividere file in WiFi su Tp-link TD-W8970

Siti consultati:
it.wikipedia.org/
amazon.it/ ad
wired.it/
youtube.com/

Per leggere i post con più chiarezza ed un allineamento adattato agli schermi più piccoli di iPhone e smartphone usa la versione mobile. Vai a http://bit.ly/AeHvgL oppure clicca/scansiona il QR code qui sotto.


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.