sabato 5 novembre 2016

Smartphone dual-sim: MicroSD + NanoSIM in un unico slot. Possibile?

Esiste una procedura per utilizzare in un dualsim sim e microsd insieme?

Come spesso accade pubblico un post seguito ad una "reale" chiacchierata hi-tech. Questa mattina prendendo un caffè al bar con una caro amico si parlava dei telefoni dual sim sul mercato italiano.

La tecnologia dual-sim precede l'avvento degli smartphone ed è seguita ad una prima fase in cui per utilizzare due sim o si doveva sostituirle manualmente ogni volta oppure si potevano utilizzare alcune soluzioni più comode come degli adattatori (anche esterni) oppure la modifica all'involucro della batteria (vedi Dual SIM - Wikipedia). Poi la nuova tecnologia introdotta da un'azienda bresciana (vedi Brevetti, Samsung sconfitta da Hop Mobile. Alla piccola società bresciana  due milioni di risarcimento) ha permesso il rapido affermarsi di una soluzione nativa. Chi aveva la necessità di separare nettamente il traffico telefonico professionale da quello privato o semplicemente di spendere meno utilizzando due piani tariffari distinti aveva finalmente una soluzione di fabbrica. 

Di seguito una selezione dei modelli di smartphone dualsim attualmente presenti sugli scaffali tratta dall'interessante articolo Miglior smartphone dual sim | Novembre 2016 | Tutto Android:

Gli smartphone dual-SIM di ultima generazione hanno solitamente il secondo slot "ibrido" utilizzabile alternativamente con la scheda di espansione di memoria microSD oppure con la seconda SIM. Con questa soluzione i produttori riescono a soddisfare differenti target di clientela con lo stesso modello: l'utente che utilizza due sim e l'utente che vuole avere in qualsiasi momento la possibilità di espanderne la memoria. Purtroppo queste soluzioni portano a dover scegliere di rinunciare alla doppia SIM o all'espansione di memoria. 

Era proprio questo il punto più controverso della chiacchierata. Purtroppo i prodotti citati nella discussione (tra cui alcuni dei modelli nell'elenco sopra) non permettono l'utilizzo di entrambi i chip aggiuntivi. 

Prima di proseguire nella lettura devo sottolineare che non assumo la responsabilità di eventuali danni causati da chi tenterà di mettere in pratica la procedura di cui parlerò.

[se non leggi bene l'articolo vai sul blog http://vincenzomiccolis.blogspot.it/ o sulla versione mobile http://bit.ly/AeHvgL]

Prima di prendere il Samsung Galaxy S5 che ho adesso avevo considerato anche l'acquisto di alcuni modelli dual sim come lo Huawei P8 Lite. Sulle pagine che lo descrivevano si affrontava il medesimo problema e avevo letto di una possibile soluzione un po' "da smanettoni". Avere un device dual-SIM con estensione di memoria su microSD usando due soli slot sarebbe possibile con un hack che prevede l'unione di SIM e microSD. La procedura prevede l'adattamento della nanoSIM alle dimensioni della microSD, unite poi mediante l'utilizzo di collante. 

In molti considerano la soluzione un fake e comunque la sconsigliano per problemi di efficienza e, soprattutto, per i gravi rischi di una cattiva riuscita. La procedura che è sembrata anche a me molto artigianale, a giudicare da alcuni post e da diversi video, sembra poter invece funzionare. 

L'utente che si è cimentato nell'impresa di cui si parla nell'articolo MicroSD + NanoSIM in un unico slot, grazie alla genialità di un hacker cinese | Foto ha postato alcune screenshot del suo Mate 7 che sembra rilevare correttamente la seconda SIM come anche la microSD.

(continua sotto)
promo

  

Si tratta di un lavoro molto delicato che richiede una notevole precisione. In estrema sintesi il processo consiste in: 
- scollare il chip della nanoSIM dal supporto di plastica
- si adattano le dimensioni del chip alla microSD
- si incolla la SIM sul retro della microSD
- infine si fa asciugare bene la colla
- si ripuliscono eventuali tracce di colla superflua lungo i bordi

Su youtube sono disponibili diversi video-tutorial che descrivono la procedura. Quello presentato qui sotto mostra in chiusura l'effettivo funzionamento della soluzione.


Non posso confermare che la soluzione funzioni. Anzi, va considerato che potrebbe danneggiare non solo la SIM e la microSD ma soprattutto l'alloggiamento del telefono stesso. Personalmente sconsiglio questa procedura. Ribadisco ancora una volta che l'articolo ha solo scopo divulgativo.

LLAP!

Se il post ti piace condividilo su Facebook
Tieni d'occhio questo post e i suoi commenti: iscriviti nella parte destra del blog.
Per qualsiasi dubbio, critica, segnalazione scrivimi a vm_tempbox-perparlarediweb[at]yahoo.it
Ricevi gratuitamente tutti i miei aggiornamenti del blog direttamente dal feed RSS ed in email.
Visita la mia pagina su Facebook e diventa fan. Segui @vincentmiccolis su Twitter dove oltre ai link agli articoli del blog condivido i link delle mie letture in tempo reale.
Istalla la toolbar del blog... è gratis!


DISCLAIMER: Il contenuto dei miei articoli è reso disponibile così com'è. Per Parlare di Web non offre alcuna garanzia sui contenuti che sono forniti a solo scopo di intrattenimento e/o didattico con l'obiettivo di fare da spunto di riflessione per il lettore proponendo idee, concetti e recensioni di prodotti e servizi tecnologici. Il blog Per Parlare di Web non si assume alcuna responsabilità per ogni conseguenza dannosa che possa risultare al lettore dall'adozione di indicazioni descritte nei nostri articoli e nelle nostre guide hardware e software.

Nessun commento:

Posta un commento